Archivi categoria: CAI Cultura

LA MONTAGNA NELL’ERA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

La Commissione TAM LPV organizza l’evento “Dialogo sulla Montagna nell’era dei Cambiamenti Climatici” che si terrà sabato 9 marzo alle ora 10 nella Sala degli Stemmi al Monte dei Cappuccini. Si tratta di un incontro per portare sul nostro territorio le tematiche trattate nel 101° Congresso Nazionale tenutosi a Roma a Novembre.

Si è svolto a Roma, il 25 e 26 novembre 2023, il 101esimo Congresso nazionale del Club alpino italiano: LA MONTAGNA NELL’ERA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO.
Alta la partecipazione, 652 congressisti di cui 522 socie e soci del Cai
“Concretezza” e “indicazioni chiare” sono state le parole d’ordine del 101° Congresso del Cai, ribadite dal Presidente generale Antonio Montani, che ha visto dialogare la politica, il mondo scientifico e associazionistico e il Club alpino italiano per individuare strategie condivise per il futuro dei territori montani.
«Il mio auspicio è che il Cai possa diventare sempre più la voce della montagna italiana nelle istituzioni. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo essere ancora più capaci di mediare tra le diverse esigenze dei territori di pianura e quelli di montagna, ai cui abitanti vanno garantiti gli stessi servizi in termini di sanità, scuola, lavoro, trasporti», ha affermato in chiusura dei lavori il Presidente generale del Cai Antonio Montani. «L’attenzione all’ambiente e la sostenibilità devono essere gli elementi imprescindibili di ogni progetto di sviluppo economico e turistico dei territori montani. Al nostro interno dobbiamo ripartire dalle giovani generazioni, le più sensibili alle tematiche ambientali e capaci, soprattutto, di declinarle nei comportamenti della vita quotidiana».

Focus del Congresso – I tavoli di lavoro
Tavolo 1 – IL CAI PER IL CAPITALE NATURALE (PDF)
Tavolo 2 – IL CAI, LA FREQUENTAZIONE RESPONSABILE DELLA MONTAGNA, I NUOVI COMPORTAMENTI CONSAPEVOLI (PDF)
Tavolo 3 – Il CAI PER LO SVILUPPO DELLA MONTAGNA, ECONOMIA E POLITICHE TERRITORIALI (PDF)

Per scaricare tutti i materiali vai sul sito: https://www.cai.it/organo_tecnico/commissione-centrale-tutela-ambiente-montano/101-congresso-cai/101-congresso-cai-gli-atti/

CATTIVI PENSIERI DI UN GUARDIAPARCO

CATTIVI PENSIERI DI UN GUARDIAPARCO IN SERVIZIO IN VALSUSA

SOPRAVVIVERE AL TEMPO DELLA PANDEMIA

Stupisce come la montagna e i parchi diventino un rifugio in tempi di emergenza. Un vero rifugio, un ventre materno cui tornare, al quale non si pensa durante la quotidianità ma – sepolto al fondo dell’anima e inavvertito per anni – appena c’é davvero bisogno, torna a galla e indica una meta da raggiungere. Sbagliato in questo momento, ma indicativo della nostra incancellabile appartenenza. Riflessioni – con qualche citazione che ne denuncia l’età…  – di un guardiaparco in servizio nelle Aree protette delle Alpi Cozie. 

Continuano i “Cattivi pensieri di un guardiaparco in servizio in Val Susa’ che hanno suscitato condivisioni e domande in misura inaspettata, soltanto qualche settimana fa. Evidentemente, riflessioni diffuse ma ancora inespresse. Corre l’obbligo, quindi, di provare a rispondere alle sollecitazioni e aggiungere qualche altra cattiveria, nuovamente favorita dal servizio in quota… più solitario del solito.

BANFF MOUNTAIN FILM FESTIVAL

 Banff Mountain Film Festival si ferma, ecco una lista di 100 film disponibili online

Articolo su :Montagna.TV

Di fronte all’emergenza coronavirus, anche il Banff Mountain Film Festival World Tour ha scelto di fermarsi e rimandare a tempi migliori le date degli eventi previsti in tutto il mondo. In Italia, al pari di Canada, USA e molti altri Paesi, il festival è al momento sospeso.

Nelle ultime ore è stata infatti diffusa una lista a cura di Lianne Caron, che ingloba ben 100 film di avventura, protagonisti del BANFF, reperibili online in maniera gratuita su Youtube, Vimeo e le maggiori piattaforme streaming.

Elenco Banff-Movie-FEstival

Leggi, guarda, ascolta: la LINK PARADE di Palazzo Madama

Appuntamento con la rubrica Leggi, guarda, ascolta: consigli di lettura, visione e ascolto che possono interessare il nostro pubblico. La Link Parade di oggi lancia uno sguardo su ciò che succede nel mondo, in Italia, e anche a Torino. Abbiamo deciso di segnalare infatti anche una realtà della nostra Città a noi affine, per condividere insieme questo momento di chiusura delle sale, ma che non compromette la divulgazione di ciò che siamo e che continueremo a essere. 

Buona lettura, ascolto e visione!

E ancora una volta #iorestoacasa #museichiusimuseiaperti #laculturanonsiferma.

Continuate a seguire la nostra playlist su Youtube #StoriedaPalazzo 

Guarda la Link Parade della GAM oppure iscriviti alla newsletter

Scopri la Link Parade del MAO oppure iscriviti alla newsletter

Ri-allestimento Biblioteca Cai-Uget

Cari Amici, per chi è interessato ai lavori relativi al riordino della biblioteca, la prima prima fase  è già iniziata. 

Inoltre a breve avrà inizio la seconda fasela più impegnativa, lunga e delicata, quella della riclassificazione dei volumi con il sistema Clavis e a tal proposito chiedo l’impegno di circa 4 o 5 volenterosi che abbiano una buonissima dimestichezza nell’utilizzo del computer e, dopo una breve formazione sul programma Clavis, si dedicheranno all’inserimento nel nuovo sistema di tutti i volumi presenti in biblioteca, quasi 4000 censiti e circa un migliaio da classificare interamente. In allegato troverete il progetto biblioteca. A presto e attendo le vostre e-mail Emilio Garbellini cultura@tam.caiuget.it

Breve Storia della Biblioteca CAI Uget – Torino

Sin dalla sua fondazione, avvenuta il 9 Marzo 1913, l’UGET si è dotato di una biblioteca e ufficialmente i primi accenni della sua esistenza sono indicati nei capitoli n° 5, n° 6 e nel n°10 del 1915, anno della prima pubblicazione nel Bollettino Storico UGET.
Da allora la biblioteca ha sempre avuto una notevole crescita con l’acquisizione di libri, cartine topografiche, bollettini sezionali e Nazionali, coprendo tutti gli argomenti relativi alla Montagna nel suo intero contesto, come ad esempio: Fauna, Flora, Geologia, Speleologia, Meteorologia, Letteratura, Sport ecc, ecc.
Proprio dalla sua esponenziale crescita, la biblioteca ha avuto e ha tutt’ora problemi di spazio per una collocazione idonea alla consultazione dei testi. Nella storica Sede in Galleria Subalpina (1931 – 2011) aveva un preciso spazio che negli anni è diventato insufficiente anche per l’inserimento della biblioteca del Gruppo Speleologico.
Nella nuova Sede, all’interno del Parco La Tesoriera, la situazione inizialmente non è molto migliorata pur avendo a disposizione alcuni mq in più a causa, soprattutto della non più idoneità degli armadi, che andrebbero totalmente sostituiti.
Attualmente la biblioteca CAI UGET dispone, dati dell’ultimo censimento e classificazione di Febbraio 2016, in allegato, di 3547 tra volumi e bollettini e vi sono ancora un certo numero imprecisato di testi e di carte topografiche da censire.
Inoltre sono presenti 432 volumi relativi ad un lascito testamentario della Prof.ssa De Marchi. A questi dati non vanno dimenticati le pubblicazione dei libri e bollettini che compongono la biblioteca del Gruppo Speleologico che consta di circa 4000 testi che pone la stessa tra le più complete nel suo settore.
Andando ad analizzare le date di pubblicazione di volumi e bollettini, per inquadrare al meglio la completezza temporale, che va dal 1866 fino al 2016 come sotto specificatamente dettagliato:

  • 1866 – 1899: n° 55
  • 1900 – 1939: n° 267
  • 1940 – 1945: n° 43
  • 1946 – 1979: n° 1345
  • 1980 – 2015: n° 1668
  • non datati: n° 169.

si denota dai dati che la biblioteca del CAI UGET dispone, considerando il periodo dal 1866 al 1945, di ben 365 testi che si possono benissimo definire pubblicazioni storiche e sicuramente tra di essi vi sono dei testi rari o addirittura unici, come la quasi completa raccolta del primo bollettino CAI UGET (1915 –1933) data la sua unicità e fragilità è stata completamente digitalizzata.
Dal dopo guerra a oggi si nota una crescita esponenziale di quasi 3000 testi a dimostrazione del grande interesse che la Sezione e i suoi Soci hanno avuto e hanno tutt’ora della loro biblioteca, che la inserisce era le più fornite del Club Alpino Italiano.


Progetto di ri-allestimento in fase di attuazione

Questo grande patrimonio culturale che la Sezione CAI UGET dispone non dev’essere assolutamente disperso o dimenticato nei bui scaffali, ma rivitalizzato, valorizzato con i dettami sanciti dalla Biblioteca Nazionale del CAI e a tal proposito fa seguito un progetto  per la totale ristrutturazione della biblioteca.
Il progetto che si sta realizzando, consta nel totale rinnovamento dei locali che va dalla pittura degli stessi con vari colori pastello, per rendere l’ambiente più allegro e consono per il suo futuro utilizzo fino al rinnovo totale degli scaffali con l’acquisto di librerie a moduli.

Nella planimetria, sono posizionati, in relazione alle dimensione dei locali, i moduli/librerie (Color marrone).In dettaglio:
Nel 1° locale, adibito a sala di consultazione/lettura e a piccoli convegni culturali, sono previsti l’inserimento di 8 Moduli con una capacità di circa 1500/1800 volumi, con una media di 200/230 volumi per modulo.
Nel 2° locale, più piccolo, adibito solamente al deposito libri e ufficio, dove sono previsti 12 moduli/librerie e l’inserimento di un PC per la gestione ordinaria della biblioteca.
Qui sotto le caratteristiche dei moduli/Librerie

Caratteristiche Libreria : Libreria con struttura in legno trattato con
mordente e vernice trasparente con ante a vetro temprato. Sono inclusi 6 ripiani regolabili con capacita max di 30 Kg cadauno.

Planimetria Biblioteca – Moduli Doppi

Per consultare o prendere in prestito i volumi, Vi attendiamo nel tradizionale ritrovo di ogni GIOVEDÌ SERA dalle 21.00 alle 22.30
Per prenotare un libro, invia una email a: biblioteca.caiuget@tam.caiuget.it

IN CORDATA ottobre-dicembre 2019

IN CORDATA ottobre-dicembre 2019

Narrazioni di montagna … | il Circolo dei lettori Torino

Arrivare fino in cima è un viaggio, faticoso e bellissimo, innanzitutto dentro se stessi. È coraggio, sangue freddo, allenamento e voglia di superare i propri limiti. Salire fin lassù è esperienza che tempra il fisico e forgia l’anima. Ma anche crescere e vivere ogni giorno in luoghi sperduti, immersi nella natura e nei suoi riti ancestrali, crea donne e uomini diversi, comunità di storie potentissime.
Torna la rassegna sulle narrazioni di montagna per addentrarsi in tutte le sue dimensioni attraverso un doppio filone di racconto: da una parte (negli incontri serali) focus sulle cime del mondo e su chi quelle vette le ha corteggiate, sfidate, raggiunte; dall’altra (in quelli pomeridiani) un approfondimento sulle persone che le abitano, la cultura, l’approccio alla vita, le visioni.

Un progetto di Fondazione Circolo dei lettori
con il sostegno di Regione Piemonte in collaborazione con Dislivelli, CAI UGET Torino, Libreria La montagna partener YogiTea

Gli incontri sono a ingresso libero fino a esaurimento posti. La prenotazione è possibile solo per i possessori della Carta Plus della Fondazione.

Dettagli incontri: incordata_ottobre-dicembre2019

DOMENICA 28 APRILE 2019 – Monte PIETRABORGA (Val Sangone – TO) 926 m

Gruppo Escursionismo TAM del CAI UGET Torino e del CAI sezione di Torino, organizza per:

DOMENICA 28 APRILE 2019
Monte PIETRABORGA (Val Sangone – TO) 926 m
Sui sentieri della Resistenza

Partenza e arrivo: Sangano 335 m Dislivello: m. 610 circa Tempo di percorrenza: ore 5,00 escluse le soste. Difficoltà: E

Unico ritrovo corso Stati Uniti 23 ore 8.15, partenza ore 8.30.

Il monte Pietraborga è una montagna alta 926 m s.l.m. delle Alpi del Monginevro nelle Alpi Cozie. Si trova in Piemonte al confine tra i comuni di Trana e Sangano. Giro ad anello dal poco frequentato versante di Sangano. Percorreremo in salita il sentiero dedicato al comandante partigiano Sergio de Vitiis che ci porterà sulla panoramica – e ripida – cresta est che offre scorci di grande soddisfazione. La discesa la effettueremo dal sentiero, più dolce, che passa dall’interessante sito celtico e attraversa le Prese di Sangano.

VolantinoMontePietraborgaDOMENICA_28APRILE2019

LA LUNA VA IN MONTAGNA – 4 E 25 MAGGIO

…mamme e papà non fate perdere ai vostri figli, l’occasione d’incontrarsi con i loro coetanei, se hanno una età dai 6 ai 12 anni, nella Sede del Cai Uget, al laboratorio di lettura, scrittura e disegno creativi dal tema:

La Luna va in Montagna

in occasione del 50° anniversario dell’allunaggio: 1969-2019
nei sabati pomeriggio del
4 e 25 maggio
dalle ore 15 alle 18,00
…si divertiranno

Scarica la Locandina-La-luna-va-in-Montagna